Luce sul sentiero
Questa luce in sè stessi

Baghavad Gita – decimo capitolo – Lo splendore divino

“Io sono il Sé, oh Arjuna, presente nel cuore di tutti gli esseri. Io sono l’inizio, la metà e la fine della loro esistenza.”
Baghavad Gita 10.20

In questo capitolo Krishna descrive tutte le sue divine glorie ovvero tutte le forme in cui Egli si manifesta. Molti dei nomi citati sono di difficile comprensione per tutti coloro che non sono affini con l’induismo classico. Ma non è importante perchè in fondo come dice Krishna in questa lista appaiono solo poche delle sue vere forme. Krishna è la coscienza infinita che sta al di sopra di ogni forma manifesta e questa è l’unica cosa importante. Krishna quindi è l’Atman ovvero il Sé che è dentro ogni forma dell’universo; chi conosce Krishna non sarà mai deluso perchè vedrà negli altri un riflesso di sé stesso.

Colui che in verità conosce queste molteplici manifestazioni del Mio Essere e (questo) Mio
potere dello Yoga, consegue stabilmente lo Yoga; su ciò non vi è dubbio.”

Baghavad Gita 10.07

Per essere stabili nella pratica dello yoga non è sufficiente fare posture (asanas) o esercizi di pranayama, ma ci deve essere una forte connessione con la Sorgente di ogni cosa; questa sorgente è rappresentata da Krishna stesso. Solo coloro infatti che vedono il divino in ogni manifestazione possono dichiararsi stabili nello yoga. Leggi tutto

Baghavad Gita – Nono capitolo – Lo yoga della conoscenza regale

“I conoscitori dei tre Veda, i bevitori del Soma, liberano loro stessi dal male, e raggiungono i paradisi degli dei dove godono di piaceri celestiali. Quando, dopo aver goduto del mondo celeste, all’esaurimento del merito ritornano nel mondo dei mortali. Coloro che seguono gli insegnamenti dei tre veda, ma sono pieni di desiderio essi vanno e ritornano. Coloro che mi venerano e meditano solo su di me, senza nessun altro pensiero, Io provvederò a tutti i loro bisogni.”
Baghavad Gita 9.20-21-22.

In questo capitolo Krishna ci ricorda che chi vive senza fede non può trovarlo. Cosa significa trovare Krishna? Significa compiere il nostro dharma ovvero il nostro dovere su questa terra, significa inoltre essere sempre connessi con quella forza divina, con la sorgente di ogni cosa. Krishna si mostra qui non come una forma, ma come il Brahman infinito che permea ogni forma quindi essere devoto a Krishna o ad un altra divinità è in sostanza la stessa cosa perchè tutte le divinità adorate nel mondo sono parte della stessa coscienza per questo il messaggio della Gita è Universale. Leggi tutto