Luce sul sentiero
Questa luce in sè stessi

Archive: Giu 2017

Nel cuore del deserto: esperienza con il cactus San Pedro

“In un atteggiamento di silenzio l’anima trova il percorso in una luce più chiara, e ciò che è sfuggente e ingannevole si risolve in un cristallo di chiarezza.”
Gandhi

Il cactus Wachuma, parola che in quechua significa letteralmente “tagliare la testa”, indicando il cessare dell’attività pensante e dell’ego a favore del sentire, venne chiamato poi dai cristiani San Pedro perchè San Pietro è colui che spalanca le porte del cielo. Come il suo cugino lontano: il peyote, il wachuma contiene come principio attivo la mescalina ed altri numerosi alcaloidi. Appartiene alla famiglia Echinopsis (le specie più famose sono l’Echinopsis Pachanoi ovvero il San Pedro propriamente detto e l’Echinopsis Peruvianus detta ‘torcia peruviana’ per la sua forma più allungata e alta) dove i contenuti di mescalina e di altri alcaloidi varia sensibilmente da specie a pecie rendendo le esperienze abbastanza differenti tra loro. Nonostante la conquista spagnola il suo uso sopravvisse ed oggi è riconosciuta da molti come una delle piante enteogene più poderose del sud america e da molti considerata sacra tanto che viene spesso usata come “guardiano” piantandola nel proprio giardino. Il suo uso deve come sempre essere accompagnato da una dieta simile a quella dell’ayahuasca. Leggi tutto

Gli 8 stadi dello yoga – Ashtanga

“Lo yoga ti porta nel momento presente, l’unico posto dove esiste la vita.”
Anonimo

La parola yoga in sanskrito significa “unione”, questa unione deve avvenire tra il nostro corpo e la nostra mente, significa trasformarsi nell’azione che stiamo facendo, il corpo cosi può eseguire esattamente ciò che la mente pensa, senza disperdere le nostre energie pensando al futuro o al passato. L’unione è anche intesa tra i due emisferi (vedi “emisfero destro e sinistro“) quindi tra la mente intuitiva (destro) e la mente razionale e pragmatica (sinistro), questa unione porta allo stato meditativo o Dhyana (vedi Che cos’è la meditazione?). Scopo ultimo dello yoga è la dissoluzione dell’ego o estinzione: Samadhi in sansrkrito o Nirvana secondo la tradizione buddhista.

Per raggiungerla si deve seguire la via dell’Ashtanga ovvero gli 8 stadi dello yoga: Leggi tutto